Strategie

Il più grande cruccio, o per meglio dire “ossessione“, di ogni SEO è da sempre il funzionamento dell’algoritmo in base al quale i motori (per primo Google) posizionano i risultati delle query di ricerca.

Miti, rumors nonché vere e proprie leggende metropolitane hanno da sempre avvolto questo argomento tediando molte notti di consulenti SEO alla ricerca della formula magica per influenzare e gestire scientificamente l’ordinamento dei risultati delle SERPs di Google e degli altri motori di ricerca.

Ma quali sono i fattori rilevanti e di conseguenza le strategie corrette per posizionarsi al top dei risultati di Google?

Diversi studi portati avanti nel corso degli anni ci dicono che i fattori e le strategie cambiano in funzione della tipologia di azienda/sito/cliente e dal mercato di riferimento in cui ci vogliamo posizionare.

Certamente alcune strategie rimangono valide per qualsiasi tipo azienda e per qualsiasi tipo di mercato.

Ecco alcuni punti salienti delle strategie SEO da noi utilizzate:

  • Social Media Marketing: finalmente i fattori c..d. Social diventano importanti anche in Italia: i feedback da Facebook, Twitter e Google+ sembrano oggi avere un’importante correlazione con il posizionamento nelle SERPs di Google
  • Stop Pubblicità: l’eccessiva presenza di pubblicità su un sito aumenta la difficoltà a posizionarsi in alto nei motori di ricerca (in particolar modo l’eccessiva presenza di annunci AdSense)
  • Backlink: sebbene qualcuno inizi ad insinuare che i backlink non abbiano più l’importanza di una volta, noi crediamo invece che rimangano ancora un fattore importante per il posizionamento
  • Scelta corretta del Dominio: anche qui, nonostante molti sostengano il contrario, siamo convinti che gli url parlanti si posizionino meglio degli altri. A meno di essere un brand riconosciuto.
  • Contenuti di qualità: è noto ormai che i motori di ricerca si stiano mutuando ad un approccio sempre più semantico e user-friendly, soprattutto in relazione della crescita esponenziale del traffico mobile.
  • Al passo coi tempi: utilizzazione metodiche html5 nella progettazione e nel restyling dei siti web, con approccio mobile.
  • Studio della concorrenza: osserva come si comporta il tuo avversario, studia le sue tecniche e se hai capito come funzionano… applicale!
  • Monitoraggio costante: monitorare con frequenza i cambiamenti dei risultati nelle SERPs aiuta a capire ogni modifica apportata quale effetto abbia generato.

Questi sono ovviamente solo alcuni spunti di riflessione per farvi capire quanto sia complesso il lavoro di un SEO. Complesso e stimolante allo stesso tempo proprio perché diverso da cliente a cliente.

Non ci stancheremo mai di ripetervi di diffidare di chi vi promette posizionamenti grazie a tecniche speciali: non esiste una formula magica del posizionamento, una ricetta segreta da applicare in qualunque caso. Occorre studio costante, applicazione, occorrre interiorizzare al massimo il lavoro.

Solo così otterrete i risultati sperati… e se non ci riuscite… CHIAMATECI!

Contattaci

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Privacy

Twitter
Facebook
GooglePlus